MICHAEL MANRING (USA) & FINAZ (ITA)

Mercoledi 08  2017 marzo ore 22.00

A 10 anni si innamora della musica dei Beatles e inizia così a studiare la chitarra. Dopo i primi anni di formazione classica, si avvicina al jazz e a vari generi musicali partecipando a rassegne e concorsi sia da solo che con diverse band.

A sedici anni incide il primo 45 giri nel mitico studio Gas di Firenze, intensifica l’attività dal vivo ed inizia ad insegnare presso la scuola comunale della sua città (Volterra).

Nel 1991 incide il primo disco con una major (BMG-ariola) con un gruppo fiorentino e nel 1992 inizia il primo tour professionale con musicisti di caratura nazionale.

Nel 1993 lascia la chitarra elettrica per la chitarra acustica e insieme al cantante Erriquez fonda la Bandabardò di cui è anche co-autore e co-produttore. 

Nel 2012 viene pubblicato il suo primo lavoro solista GUITAR SOLO, interamente realizzato con la sola chitarra acustica.


Oltre che con Bandabardò, Finaz ha collaborato in studio e live anche con molti altri artisti come Carmen Consoli, Daniele Silvestri, Max Gazzé, Paola Turci, Dolcenera, Goran Bregovic, Piero Pelù, Modena City Ramblers, David Sylvian, C.S.I., Caparezza, Moni Ovadia, Franco Battiato, Daniele Sepe, Orchestra di Piazza Vittorio, Roy Paci, Stefano Bollani, Tonino Carotone, Patty Pravo, Stefano “Cisco” Bellotti, Casa del vento, Giobbe Covatta, Dario Fo, Franz di Cioccio, Tony Esposito, Folkabbestia, Peppe Voltarelli, Marco Calliari, Bob Ezrin (produttore dei Pink Floyd e Lou Reed) e altri.



Premi ricevuti:

con Bandabardò

-  Premio Recanati (1998)

- Premio Ciampi (1996, 2003 e 2010)

-  Premio miglior disco al Mei di Faenza (1999, 2004, 2006)

- Nel 2009 vince il premio SIAE come autore della migliore opera artistica dell’anno per il cd “Ottavio”.

Da solo:

- Nel 2010 Finaz vince il Trofeo In-Sound come miglior chitarrista acustico italiano.

- Sempre nel 2010 vince il premio Tenco  con il cd “Ultima notte a Malastrana” di Peppe Voltarelli, di cui è produttore.

- Nel 2011 vince il premio internazionale “ombra della sera” nella sezione musicisti.


Ospite in varie trasmissioni televisive nazionali tra cui “Parla con me” (Rai 3), “Taratatà” (Rai 2), sei edizioni del Primo Maggio a Roma (Rai 3), MTV Day, Cd Live (Rai 2), Mtv-Unplugged e Supersonic (Mtv), Help e Roxy Bar (Tmc 2); RadioItalia tv-live; molte sono poi le partecipazioni a Radio Rai in programmi live come “Diretta da via Asiago”, “Caterpillar”, “Village”; Protagonista di speciali di un'ora ciascuno per due anni di seguito per la TVE spagnola e ospite anche alla trasmissione “Les fouls du roi” della radio nazionale francese. Nel 2008 si esibisce per un live in diretta a RadioCanada.


All'attivo ha anche la firma di alcuni brani su varie colonne sonore per il cinema: “Cuori al verde” (1996) di G. Piccioni insieme a Silvestri con G. Scarpati e  M. Buy; “Fuga dal call center” (2005) indipendente italiano (firmato con Voltarelli), il cortometraggio “Shooting” (2010) di G. Giannone e il  film di G. Gagliardi “Tatanka” su testo di Roberto Saviano (firmato sempre con Voltarelli).

Per il teatro “L'uomo dal fiore in bocca” (con la compagnia “Avventura colorata”) di Luigi Pirandello, “Un uomo è un uomo”  (prodotto dal teatro dell'Antella) di B.Brecht.

Nel 2012 firma la colonna sonora dello spettacolo teatrale di Marco Paolini “ITIS Galileo” mandato anche in onda in prima serata su La7 e dello spettacolo “La luce-quarto atto” prodotto dalla compagnia Krypton.


Nuovamente sul nostro palco Michael Manring, grande artista e persona fantastica, a cui siamo particolarmente affezionati è entrato nei nostri cuori e nello spirito  del nidaba Theatre


Un imperdibile occasione per vedere questi due grandissimi talenti  di fama internazionale, Michael Manring, “the hottest bassist today” come è stato definito da molti giornalisti e Alessandro Finazzo, in arte Finaz, co-fondatore, co-autore e "chitarra virtuosa e solitaria" della Bandabardò . ASSOLUTAMETNE DA NON PERDERE !!!

Michael è uno straordinario artista  e innovatore capace di

sperimentare tecniche, che contribuiscono ad elevare il ruolo del basso elettrico nella musica contemporanea seguendo l'impegno del suo "maestro" ideale Jaco Pastorius, con il quale ha studiato. Per la seconda parte del concerto Michael sarà accompagnato dalla bravissima cantautrice e chitarrista americana Jackie Perkins, che presenterà le sue nuove canzoni e musiche.


vedere Manring dal vivo è qualcosa di indescrivibile!!!!

un musicista, un artista che padroneggia lo strumento musicale come fosse parte stessa della sua mente, del suo corpo, della sua persona!!!


 Michael Manring, classe 1960, è un bassista statunitense originario della Virginia. Laureato alla Berklee. Negli anni le sue sperimentazione contribuirono (e tuttora contribuiscono) ad elevare il ruolo del basso elettrico nella musica contemporanea seguendo l’impegno del suo maestro, Jaco Pastorius. Oltre ad essere stato, per molti anni, il bassista ufficiale dellaWindham Hill Records, Manring ha collaborato ed inciso dischi con moltissimi musicisti di fama internazionale tra cui Larry Kassing, Steve Morse, Michael Hedges, Alex Skolnick.


“E’ tutta musica” Michael alza le spalle quando gli viene chiesto come gestisce così tanti stili e generi differenti. “Trovo le somiglianze più avvincenti delle differenze e, in definitiva, io semplicemente amo suonare il basso”. L’ovvio piacere che Michael trae dalla musica affascina allo stesso tempo pubblico e critici. 

Come scrive Tom Darter nella rivista “Keyboard” dopo aver visto uno dei famosi concerti di basso di Michael “Dimenticate la sua stupefacente tecnica e musicalità; dimenticate il suo assoluto controllo sullo strumento; dimenticate come le idee musicali e la loro rappresentazione siano fluidamente unite insieme… l’illuminazione proviene più dalle sensazioni (vista, udito), la gioia che Michael provava nel suonare… il suo marchio di colpo trascendentale e comprensione musicale… era tutto in funzione del risultato finale, la gioia di fare musica.” 

Lavorando sulle concezioni del suo maestro, l’ultima leggenda del basso Jaco Pastorious, Michael ha sviluppato un approccio interamente nuovo sullo strumento che include accordature, tecniche  e metodologie non ortodosse.


Ha dimostrato le sue capacità in più di un centinaio di registrazioni come musicista e migliaia di concerti in America, Europa e Asia. Una delle più gratificanti ed intime collaborazioni musicali è stata con il genio della chitarra acustica Michael Hedges, che ha istantaneamente stabilito una collaborazione musicale con Manring quando l’ha sentito suonare per la prima volta una delle sue fantasiose composizioni per basso mentre Manring era ancora un teenager. La tragica morte di Hedges nel 1997 mise fine ad una straordinaria alleanza musicale e ad una amicizia molto profonda. Attraverso Hedges, Manring è stato introdotto alla Windham Hills record dove è stato velocemente segnalato come (house bassist) e artista solista. I suoi 4 album da solista con la Windham Hill/gruppo BMG (Unusual Weather, Toward the center of the Night e Drastic Measures con la Windham Hill, Thank con la High Street) gli hanno valso la reputazione internazionale di “maestro di basso fretless senza rivali” (Guitar Club Magazine, Italia). Ha anche ottenuto due dischi d’oro, nomination ai Grammy e Bammie, un premio della Berklee School of Music e numerosi premi della Bass Players Magazine Reader’s Poll, incluso il Bassista dell’Anno 1994. 

Gli album "Soliloquy" e “The Book of Flame” sono ancora il migliore esempio della sua straordinaria creatività. Mentre i dischi dei suonatori di basso tendono ad avere la reputazione di essere musica strettamente legata ai fan del basso hardcore, gli album solisti di Michael hanno costantemente stupito gli ascoltatori con la loro profondità nelle composizioni e accessibilità. Dipinge una sorprendente varierà di suoni con lo strumento, portando uno scrittore a commentare: “Michael Manring può fare con un  basso più di quanto l’individuo più creativo possa immaginare.” (L. Pearce Carson, Napa Valley Register). Negli album la musica spazia da pazze costruzioni elettro-acustiche a intricate composizioni ensemble, a gentili assoli di elogio a Hedges. Attraverso fluidi virtuosismi, tonalità e ritmi esotici, bizzarri strumenti (e modi ancora più strani di suonarli), ombre di elettronica, industrial, post-bop, noise-core, ambient e (20th century music) con un approccio alla composizione raffinato e un sano senso dell’umorismo, crea un arazzo che è ricco di possibilità e significato. 

“Aessandro FINAZ  Finazzo”

MICHAEL MANRING, genio innovatore del basso elettrico, è riconosciuto per il suo originale uso continuo di accordature aperte, cambi di accordatura ed effetti pionieristici. Le sue sperimentazioni sul basso contribuiscono ad elevare il ruolo del basso elettrico nella musica contemporanea, seguendo l'impegno del suo maestro Jaco Pastorius, di cui era allievo prediletto. L’ultimo CD Soliloquy è una chiara dimostrazione di come un solo basso elettrico nelle mani di un genio della musica contemporanea possa nello stesso tempo esplorare sonorità innovative mantenendo melodie ed armonie emozionanti. www.manthing.com


FINAZ è da anni un riconosciuto punto di riferimento per la chitarra acustica italiana, con il proprio particolarissimo stile ‘rock & folk’. Oltre alla Bandabardò, ha collaborato in studio e live con artisti come Carmen Consoli, Max Gazzé, Paola Turci, Goran Bregovic, Piero Pelù, Modena City Ramblers, Caparezza e molti altri. Nel 2012 viene pubblicato il suo primo lavoro da solista, Guitar Solo, interamente realizzato con la chitarra acustica e pieno di spunti e soluzioni d'avanguardia per la ricerca sullo strumento. Facebook Finazofficialpage

MICHAEL MANRING