ONE MAN 100% BLUEZ

BLUES’N’ ROLL 

ONE MAN BLUEZ è il progetto di Davide Lipari, cantante, chitarrista, armonicista e compositore romano, che  ha radici molto lontane. Viaggiando negli Stati Uniti alla ricerca della radici del blues ha imparato che è meglio mettere il cuore in ogni singola corda fatta vibrare, piuttosto che correre sulla tastiera senza dire nulla: una lezione che sa  infondere in tutte le proprie esperienze musicali – underground prima e, ben presto, in locali e festival, italiani ed esteri – esibendosi in solo, in duo e in trio.

L’ascolto appassionato di molti generi musicali si riflette nella sua scrittura: brani che fondono le radici dellamusica afroamericana con generi moderni, anche con l'elettronica. Il progetto ONE MAN BLUEZ ha visto come primi palchi i ponti e le strade di Roma, chitarra e voce collegati allo stesso amplificatore a batterie e tamburello al piede sinistro. Monetina dopo monetina è arrivato a dividere il palco con Iggy Pop, Mud


Morganfield (figlio di Muddy Waters) e Bob Log III (one man band di Tucson) e a partecipare ad importanti festival in giro per l’europa. Inizialmente in solo, poi accompagnato da un batterista e più recentemente in power trio. ONE MAN BLUEZ ha fatto tour in Giappone, Germania, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Svizzera, Polonia, Austria, Francia e Italia, con una media di circa 60 date l’anno dal 2009 ad oggi 2017.


Album

LIVE AT VELLETRI BLUES FESTIVAL – 2009 CD

YOU, ME AND HER – 2010 CD

SOUTHERN JELLYFISH – 2011 CD (Dead Music Records, Bloodysound, Brigadisco)

ONE MAN 100% BLUEZ – 2011 VINILE 7 POLLICI (Dead Music Records)

SHOCK! – 2012 VINILE LP

PSYCHO VOODOO – 2013 CD (Metatron)

ONE MAN 100% BLUEZ II – 2014 VINILE 7 POLLICI (Dead Music Records)

BLOODSHOT – 2015 VINILE E CD (Gas Vintage Records)

DIRTY BLUES LOVER – 2017 CD (Bloodysoundfucktory)


-----------------------------------

One Man Bluez è il progetto solista di Davide Lipari, in tour sia in trio, con Filippo Schininá alla batteria e il misterioso Low Chef al basso, sia in one man band. Il sound di base è un misto di blues acido, dal ritmo ossessivo e sostenuto, che si fa più soul nella versione in solo, scaldato nei suoni e più intimo, e si trasforma in attitudine punk quando il progetto esce in trio.


-----------------------------------


Dirty Blues Lover è il sesto disco di ONE MAN BLUEZ, progetto solista di Davide Lipari.


Dal primo lavoro in studio del 2010, in solo, si è passati attraverso la formazione in duo di ‘‘Southern Jellyfish’’, fino all'utilizzo dell'elettronica grazie al coproduttore Low Chef negli album ‘’Shock!’’ e il più recente ‘’Bloodshot’’.

Dirty Blues Lover è una fotografia del sound maturato durante l’anno di stesura del disco. 

Insieme con il batterista Filippo Schininá e il già citato Low Chef al basso, la chitarra e la voce di Davide

Lipari danno vita a un album di blues alternativo che si mescola con le moltissime esperienze fatte e con i tanti ascolti. Dal blues anni ’20 di Over & Above, al rock anni blues di fine anni ’60 del brano Messy Ground,  fino a qualcosa di contemporaneo e nuovo come Hurt Me e Sweet Toy.

Alcuni brani sono in solo, con cassa e mr tambourine ai piedi.

Nell’album è presente anche la cover ‘’The Letter’’ dei Box Tops, in una versione più vicina a quella di Joe Cocker, dando omaggio all’accompagnamento caratteristico del piano di Leon Russell.


ONE MAN BLUEZ “Dirty Blues Lover”

Tracklist

1. Dirty Blues Lover

2. House In My Pocket

3. Messy Ground

4. Over & Above

5. Wings In Trouble

6. My Girl Blues

7. Sweet Toy

8. Hurt Me

9. The Letter

10. I Hate You


ONE MAN BLUEZ è il progetto di Davide Lipari, cantante, chitarrista, armonicista e compositore romano, che ha origini molto lontane. Viaggiando negli Stati Uniti alla ricerca della radici del blues ha imparato che è meglio mettere il cuore in ogni singola corda fatta vibrare, piuttosto che correre sulla tastiera senza dire nulla: una lezione che sa infondere in tutte le proprie esperienze musicali – underground prima e, ben presto, in locali e festival, italiani ed esteri – esibendosi in solo, in duo e in trio. L’ascolto appassionato di molti generi musicali si riflette nella sua scrittura: brani che fondono le radici della musica afroamericana con generi moderni e con l'elettronica.

I primi palchi sono stati i ponti e le strade di Roma, chitarra e voce collegati allo stesso amplificatore a batterie e tamburello al piede sinistro. Monetina dopo monetina è arrivato a dividere il palco con Iggy Pop, Mud Morganfield (figlio di Muddy Waters) e Bob Log III e a partecipare ad importanti festival in giro per l’Europa. In solo o più recentemente in power trio assieme a Filippo Schininá alla batteria e il misterioso Low Chef al basso, One Man Bluez può vantare tour in Giappone, Germania, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Svizzera, Polonia, Austria, Francia nonché centinaia di date su e giù per lo Stivale. Un blues acido dal ritmo ossessivo e sostenuto, che si scalda in intimo soulnella versione in solo, ma che trasuda attitudine punk quando il progetto esce in trio.